Una domanda provocatoria

La prigione contribuisce a formare i criminali?   di Oliver GreenwoodInmate

Per migliaia d’anni, da quando il sistema penitenziario fu inventato, i legislatori pensarono che il modo piu’ efficiente di far si’ che la legge venisse rispettata, fosse aumentare la severita’ delle pene.

L’idea che la prigione sia un luogo non solo di punizione, ma anche di recupero sociale per i criminali e’ piuttosto nuova; soltanto nel 1764 Cesare Beccaria, filosofo illuminista, comincio’ a condannare il vecchio sistema penitenziario,criticando la pena di morte e la tortura.

Son passati circa 250 anni da quando Beccaria scrisse Dei delitti e delle pene  e ci sono stati diversi progressi per cercare di riabilitare i carcerati, ma le statistiche indicano che due su tre persone, dopo aver scontato la propria pena si dedicano di nuovo ad attivita’ criminali.

Le carceri non fanno abbastanza per rieducare i criminali: insegnano ai detenuti un lavoro, come il fabbro o l’elettricista, che dovrebbe aiutare loro a reinserirsi nella societa’ “normale”; ma molto spesso purtroppo questo nuovo lavoro non sara’ mai lucroso come quello illegale. E’ difficile che uno spacciatore di cocaina che, prima di essere imprigionato, guadagnava centinaia di euro al giorno tutto d’un tratto si accontenti di un lavoro umile.

Un  fenomeno che impedisce ai criminali di riscattarsi e’ il fatto che molto spesso membri della stessa organizzazione criminale vengono rinchiusi nella medesima prigione. Cio’ contribuisce alla violenza presente nelle carceri e  non permette ai criminali di riflettere sulle loro azioni.

Separare membri della stessa ‘gang’ aiuterebbe al recupero di questi casi: se i condannati si astenessero dalla violenza e soprattutto fossero separati dalle persone che hanno una cattiva influenza su di loro ne gioverebbero.

Ritengo che le prigioni debbano dedicare piu’ risorse ad aiutare psicologicamente i carcerati: gli esseri umani non sono di indole violenta o criminale dalla nascita, ma lo diventano gradualmente a causa di diversi fattori che li influenzano; fattori come  per esempio avere un padre violento, si rifletterebbe sui comportamenti dei propri figli. E’ il compito degli psicologi cercare di individuare il motivo delle azioni dei criminali, ed agire in modo da incoraggiare essi a compiere un percorso di maturazione affinche’, quando saranno liberati, gli ex detenuti siano pronti per essere reinseriti nella societa’ “normale”.

Posted in Info | Leave a comment

Una EPICA avventura del nostro Laurentus

Lorenzo Hazard

Le avventure di Laurentus Augustus in Britannia

PROLOGO

Ambientazione: Volterra, Italia nell’anno 88AD (al presente). Britannia 43AD- 50AD.

Cronologia: il protagonista arriva in Britannia, come Legionario Romano nel 43AD all’eta` di sedici anni. Viene messo in una fortificazione presso il Tamigi nella regione del Cotswolds, insieme ai suoi compagni soldati. Nel 48 AD viene scelto per la missione di pacificare le tribu` indigine che popolavano quella zona della Britannia. Arrivano nel sud del Galles dove trovano una tribu` potente e molto feroce i Silures. L’esercito, sotto il controllo di Publius Ostorius Scapula viene accolto con ostilita` e una battaglia brutale incomincia nella foresta. Durante questa battaglia il protagonista e 20 altri compagni vengono separati e attaccati da alcuni Silures: 10 compagni e 16 Silures vengono uccisi prima che i Romani vengono catturati. Vengono portati alla capitale dei Silures dove vengono accolti dai druidi. Ora il protagonista narra tutte le sue esperienze prima che riesce a scappare e ritornare in territorio Romano.

Nome del protagonista: Laurentus Augustus

AD 88

Io Laurentus Tiberius Scipio Antonius Augustus sono seduto nella mia poltrona confortevole sul balcone della mia grande villa a Volterra in Italia guardando dall’alto le valle ondeggianti in primavera.  C’e` una bella brezza rinfrescante che batte leggermente contro il mio viso, la mia vita ora mi sembra proprio un paradiso ma voglio raccontare in questo mio libro delle esperienze della mia gioventu`. Ho gia` raccontato la mia prima grande avventura al mio grande amico Pliny il maggiore che disgraziatamente mori` nell’eruzione del Vesuvio nel 76AD. Pliny era l’unica persona, tranne i compagni che erano con me, che ha creduto alla mia storia; spero che quando la avrete letta, anche voi mi crederete……….

Avevo solo sedici anni quando mi sono arruolato nell’esercito Romano, la forza militare piu` potente del mondo. Mio padre Marcus Augustus era un centurione nell’ottava legione. Solo un mese dopo le preparazioni per l’invasione della Britannia incominciassero. Dopo mesi di preparazione mio padre mi ha portato con se’ nel suo reggimento, per l’invasione dell’isola comandata  dall’ imperatore Claudius, una grandissima spedizione e probabilmente molto pericolosa, perche` io, essendo giovane e spericolato (e anche curioso), volevo vedere il mondo.

Marciammo attraverso l’Italia e la Gallia per finalmente arrivare a uno stretto d’acqua che per me significava la fine del mondo. Attraversammo questo mare e dopo due ore circa avvistammo terra.

 

Saltiamo avanti nel tempo ora, cinque anni passarono in fretta per me, ora avevo ventun’anni mi ero allenato tantissimo per entrare nell’ esercito vero e proprio, ero diventato il migliore combattente di tutti i nuovi assunti. Per questa ragione ero stato scelto per la missione di pacificare le tribu` del Galles. Mi ricordo che il nostro capitano era Publius Ostorius Scapula, un eccellente comandante anche se era un uomo molto duro che domandava disciplina al suo esercito e che a noi non piaceva tanto, ma dopo capii che se Scapula non fosse stato di questo carattere sarebbe stato piu` difficile colonizzare questa terra strana e selvaggia. Avevamo la gran parte dell’estremo sud della Britannia sotto controllo, ma il Galles rimaneva indipendente, e le tribu` barbariche di quella zona erano un pericolo per la civilta` che noi abbiamo portato a questo disgraziato paese! Per questa ragione infatti i nostri generali hanno organizzato questa missione velocemente.

Oggi si parte, mi sentivo cosi` potente quando uscii dalle grandi porte della mia base fortificata tra le gride goiose di tutti quelli che stavano intorno a me. Marciammo su una lunghissima strada naturale elevata nelle colline che i nativi Britanni chiamano “The Ridgeway”. Mentre marciavo guardavo tutti gli animali e la fauna, tutti gli ucelli e gli alberi; alcuni di questi mi sembravano molto strani, perche` non esistevano in Italia, ora che ho vissuto qua per cinque anni mi sono abituato.

Mentre marciavo, questa terra mi sembrava molto strana e misteriosa, con il cielo grigio che nascondeva il sole e grandi alberi da tutte le parti; l’atmosfera era assai sinistra e infausta ma suscitava in me anche un senso d’avventura e di mistero.

Dopo due giorni e mezzo arrivammo in Galles, quasi immediatamente entrammo in una grande foresta molto buia e fitta: questo si` che ci ha reso nervosi,  perche` sapevamo che questa era una zona barbarica. Scapula ci ha detto di mettere su campo qua, ma ad un tratto abbiamo udito un rumore negli alberi…….crack crack……ci siamo voltati tutti……..AGHHHHHHHHH!

Erano dappertutto, saltando giu` dagli alberi, venendo fuori dal fiumicello,

fradici ma determinati ad ucciderci tutti. Immediatamente la macchina militare Romana si attivo` e con un grido di attacco di Scapula una battaglia feroce scoppio`. Io e circa venti dei miei compagni ci siamo separati dalla formazione quando i guerrieri barbarici ci hanno circondati da una parte, dieci dei miei compagni vennero uccisi e gli altri, me incluso, vennero catturati…. una disgrazia per noi… ma almeno eravamo vivi per combattere un altro giorno.

Dopo un’ora di marcia arrivammo alla capitale della tribu` dei Silures, una citta` molto piu` piccola delle nostre grande citta` ma relativemente grande per essere barbarica. La citta` era circondata da una grande palizzata di legno fortificato, era un posto molto strano, tutte le case erano costruite di legno o canne e fango. C’era pochissima pietra in giro, e nessun marmo; ma come vivevano tutte queste persone in un posto cosi` disgustoso!  Anche se non era per niente simile alle belle citta` Romane, aveva un senso familiare per chiunque stava la`, ospite o  abitante che fosse. Forse la cosa piu` strana che ho visto in questo paese erano le persone, ma non quelli normali, questi erano un gruppo esclusivo di uomini di estremo potere, non solo politico ma anche magico! Lo so che e` molto difficile credere a quello che ho detto ma ti posso assicurare, caro lettore, e` vero! Queste persone, o forse ‘maghi’ sarebbe piu` appropriato, si chiamano i druidi; la prima cosa che i guerrieri fecero era di portarci di fronte al capotribu` e al capodruido dell’intera regione occupata dai Silures. Il capotribu` era vecchio e fragile ma tutti lo rispettavano, anche il druido, ma molto meno degli altri perche` lui era giovane forte e intelligente; capii subito che lui era la persona che aveva il vero potere da queste parti.  Entrammo e immediatamente sentii il suo sguardo, i suoi occhi quasi mi penetravano mentalmente e sentivo una senzazione di stretta alla gola come se mi avesse messo una specie di cappio intorno al collo. Pensavo che per noi era tutto finito, che non c’era scampo, ma mi sbagliavo, il capotribu`, ascoltando le voci di quasi tutti in quella grande stanza reale voleva ammazarci tutti, dopo averci torturato per i nostri “crimini” come disse lui, ma il druido non era d’accordo. Il capitano dei guerrieri che ci hanno catturati si arrabbio` per averlo contraddetto, alzo` la voce contro di lui in un tono indignato.

Il druido esclamo`, tiro` fuori uno strano aggeggio e lo punto` verso di lui, poi prese una pallina dal suo lungo mantello verde e la tiro` verso di lui. Con un grido di angoscia il capitano si getto` per terra, con le mani in faccia coprendo i suoi occhi, e rotolando di qua` e di la`:  stava bruciando! La prima prova delle potenze straordinarie di questa gente.

Sono appena stato informato che devo essere presente alla prossima seduta del Senato a Roma domani, ora devo andare. Raccontero` oltre quando ritorno, ma posso intanto dirvi che infine siamo diventati amici del druido, abbiamo scambiato idee e nozioni. Ora devo proprio andare, Roma mi aspetta. Augustus

Laurentus Augustus

Posted in Info | Leave a comment

DRAMA DAY alla Scuola Europea

SONY DSC

Posted in Info | Leave a comment

Le caratteristiche di Renzo e Lucia

(Quando i personaggi dei promessi sposi parlano ancora alle nuove generazioni)

di  Lorenzo Hazard

Renzo:       Un ragazzo giovane e abile di circa vent’anni di Lecco, villaggio in Lombardia presso il Lago di Como.Renzo1

Renzo e` il protagonista maschile della storia. E` stato orfano da entrambi genitori dall’adolescenza ma si e` fatto strada nella professione di filatore di seta perche` e` un artigiano assai abile. Ha anche un podere e questi due investimenti gli rendono un profitto che gli permette di avere una vita senza preoccupazioni. Il suo nome completo e` Lorenzo Tramglino ed e` il promesso sposo di Lucia, la protagonista femminile del romanzo. Egli compare per la prima volta nel capitolo II. Viene descritto come un giovane onesto e di buona natura ma piuttosto impulsivo e facile alla collera. Durante il corso della storia Renzo subisce una trasformazione di personalita` : le sue esperienze e avventure lo hanno reso piu` saggio e maturo.

Lucia: La promessa sposa di Renzo, una ragazza giovane e bella di circa vent’anni che a causa di  questi due attributi positivi viene perseguitata da Don Rodrigo.Lucia  Infatti Don Rodrigo e` la ragione per cui il matrimonio non ‘si puo` fare’,  siccome lui e` il governatore di quella zona. Lucia Mondella viene introdotta da Manzoni nel capitolo II,  ma verso la fine quando Renzo la informa del promblema riguardo il matrimonio. Lucia vive con sua madre Agnese nel villaggio di Lecco, lei e` una contadina di famiglia povera ma con soldi sufficienti per comprare cibo e per vivere in una casetta.  La situazione economica di Renzo e` miglore e anche piu` stabile, per questo la qualita` della vita e lo stato sociale di Lucia si sarebbe alzata sposando Renzo`. Manzoni li descrive come due innamorati. Lucia e` descritta come una ragazza pia e` devota prive di emozioni impulsive, tranquilla e facile all’imbarazzo: l’opposto di Renzo. Questa personalita` remissiva riflette e diventa simbolo dei due aspetti della vita del luogo: Uno e` la presenza militare e politica dei Spagnoli, la zona dove vive lei e` controllata da Don Rodrigo dove le persone non hanno molta liberta` che cio` li rende remissivi e disciplinati come Lucia, oppure ribelli come Renzo; l’altro fattore e` il modo in cui le ragazze erano allevate a quell’epoca: dovevano essere tranquille e disciplinate.

Certamente le caratteristiche dei due protagonisti sono influenzate dal loro stile di vita e dalle persone nelle loro vite ;  ho trovato il saggio d’Italo Calvino sui Promessi sposi e ho preso un pezzo che e` molto importante, perche` qui Calvino parla del messaggio nascosto nel libro: È solo passando dall’orizzonte degli individui a quello universale che può risolversi la vicenda dei due fidanzati di Lecco. E quando ci accorgiamo che la parte della Provvidenza è sostenuta dalla peste comprendiamo che il discorso dell’ideologia politica spicciola è saltato in aria da un pezzo. Le vere forze in gioco del romanzo si rivelano essere cataclismi naturali e storici di lenta incubazione e conflagrazione improvvisa, che sconvolgono il piccolo gioco dei rapporti di potere. È una natura abbandonata da Dio, quella che Manzoni rappresenta; altro che provvidenzialismo! E quando Dio vi si manifesta per mettere le cose a posto, è con la peste. C’è oggi chi tende a vedere in Manzoni una specie di *nichilista, sotto la vernice dell’ideologia edificante, di quel nichilismo che ritroveremo piu radicale solo in Flaubert.

*Nichilista: Il nichilismo e` una teoria filosofica che propone l’idea che la nostra esistenza e` priva di senso. Dal latino classico nihil e il latino medievale nichil che vogliono dire: nulla; allora propone che non c’e` scopo nella vita e` non c’e` una ragiona per cui siamo vivi, la morale e ‘etica sono caratteristiche umane che usiamo per trovare un senso nella vita ma questa teoria propone che nulla di questo e` vero infatti perche` sono idee umane.

Quando Manzoni scrisse questo libro gli Austriaci avevano il controllo dell’Italia del Nord, nel libro invece gli opressori sono gli spagnoli. Manzoni scrisse un romanzo storico con molti aspetti di verita`, persino alcuni personaggi sono realmente esistiti, e tuttavia contiene nascosta la luce del patriotismo e della liberta`. Infatti alcuni anni dopo la pubblicazione definitiva del libro ebbe inizio la guerra dell’indipendenza che avrebbe formato l’ Italia unita.

Posted in Info | Leave a comment

una ‘app’ per un viaggio nel tempo !

untitled“Il Futuro”         di Tessa Hall

19 gennaio  2367

Caro diario,

stamattina ho affrontato un dilemma; non  sapevo cosa mettermi! Ho soltanto 150 abiti e sono quasi tutti fuori moda! La settimana scorsa ho persino trovato un telo di cotone con quattro buchi  in fondo all’ armadio, la mia ‘creatrice’ mi ha spiegato che quel telo apparteneva alla sua ‘creatrice ‘e si chiamava “maglietta” (che stoffa strana). Devo assolutamente dire alla mia creatrice di fare il fashion dowload sul tablet e di stamparmi quello abito in gomma che mi piace tanto.

21 gennaio 2367

Caro diario,

oggi con la mia classe virtuale sono andata a fare una gita al museo dei trasporti antichi. Che ridere quelle macchine! Pensa che avevano le ruote e una chiave per accenderle. Come era sciocca la gente nel 2000.

La mia maestra ci ha spiegato che il teletrasporto l’hanno inventato 100 anni fa e che prima la gente camminava per strada! Pensa che confusione !

23 gennaio 2367

Caro diario,

oggi la mia creatrice ha acquistato una nuova ciber- domestica. L’ultima é caduta nella nostra piscina e ha fatto  corto circuito.  Speriamo che questa duri piu` di una settimana, l’abbiamo chiamata Penelope.

Ha i capelli rosa e le labra blu`, un po’ la moda dello anno scorso ma alla mia creatrice piace il vintage.

La nostra casa e` tutta  ‘pensiero-programmata’  percio` non c’e`tanto che deve fare Penelope: deve soltanto ricevere gli ospiti e dare le vitamine al gatto.

25 gennaio 2367

Caro diario,

Questo pomeriggio il mio maestro virtuale mi ha chiesto di immaginare un tema sul futuro, certo che deve essere proprio invecchiato, oppure non ha ricevuto le ultime ‘app’ , perche` il futuro lo posso vedere quando voglio con l’app del viaggio nel tempo.

E poi, che cosa vuol dire ‘immaginare’ ?

Posted in Info | Leave a comment

BUON NATALE e FELICE ANNO NUOVO !

Christmas Greetings ES Culham 2014

Posted in Info | Leave a comment

Vincitrice della Competizione Letteraria 2014: Brava Harriet!

magritteI miei occhi.

Mi alzai. Era mattina. Sapevo che era mattina visto che sentivo gli uccelli fuori che cantavano attraverso la finestra che so essere alla sinistra del mio letto. Mi piace moltissimo sentire gli animali, particolarmente gli uccelli. Li immagino piccoli e leggeri, abbastanza per posarsi un attimo sulla mia mano senza essere sentiti, con i becchi corti e delicati, le ali soffici al tocco della mano, piegate mentre l’uccello saltella in giro, magari sul muro basso o sulla cima del cespuglio di rose accanto alla porta di casa.

Mi piacciono anche gli uccelli perché mi ricordano sempre la Primavera, la mia cosa preferita. Non c’è niente che mi piace più della Primavera. Odio l’Inverno e l’Autunno, tempi molti silenziosi; non si sente mai niente, nessuna traccia di esseri viventi, tranne forse il raro suono di un gufo, tardi nella notte. Se non fosse per quel gufo, il mondo potrebbe essere morto, e non lo saprei neanche. L’Estate mi fa molto piacere, specialmente quando posso sentire le cicale che cantano in coro ogni pomeriggio, ma la Primavera è quando il mondo sembra rinascere e cominciare a vivere di nuovo. E` così che penso degli anni: ciascuna ha una vita. La Primavera è quando nasce un anno, e il mondo comincia a cantare, a crescere, a respirare; l’Estate quando matura, si calma e diventa adulto, l’Autunno il mezzo della vita quando tutto diventa lento e poi l’Inverno, freddo e silenzioso, la morte.

Li ascoltai cantare per un po`; sembrava che fossero in due, e stavano avendo una sorta di conversazione; ciascuno di loro cinguettava qualcosa, poi l’altro gli rispondeva. Poi mi levai dal letto e, avendo trovato il sottile bastoncino di plastica che mi aiuta a visualizzare il pavimento, camminai verso la stanza a destra, dove so essere i miei vestiti, un abito, con sotto una camicia di cotone morbido, piegati sul letto. Mi vestii, assicurandomi di avere messo la camicia dalla parte giusta, e camminai giù per il corridoi aiutandomi con il bastoncino. Alla fine girai a destra e mi trovai nella cucina. Dopo aver bevuto un tè molto zuccherato (forse ho messo troppo zucchero, non sono sicuro) mi rialzai e camminai fino a che ero davanti allo specchio. Lo toccai e, sentendo la sua superficie piatta e fredda, mi accorsi: mi stavo guardando. Provai a immaginarmi, ma non ci riuscì. Sapevo che avevo i capelli lisci, corti, e marroni, ma per me il colore era solo una parola. Sapevo che avevo gli occhi verdi, piccoli, e a forma di mandorla, come me li aveva descritti mille volte mia sorella Silvia. Provai addirittura a visualizzare la mia bocca, con le labbra fini e asciutte, ma ancora quel pensiero si sciolse, come lo zucchero aveva fatto nel mio te`.

Poi immaginai qualcosa di diverso: provai a pensare che mi guardassi, dietro allo specchio, immaginando come sarebbe la mia vita, e questa volta riuscii.

Sorridendo, camminai alla finestra, la spalancai, respirai una boccata di aria Primaverile, e fui contento.   Com’è bella la vita!

 

Posted in Info | Leave a comment

GRAFFITI di Martino Allegri

La bandiera di Tesco

 

Bansky: l’unico uomo famoso capace di entrare in metropolitana senza che nessuno lo sapesse. Accanto a lui si sedette un uomo cinese che lo saluto’ molto cordialmente. I due iniziarono a chiacchierare finche’ l’uomo inizio’ a raccontare una sua storia…

 

Ho fu distratto dalla tv; la sua sorellina Xie stava piangendo disperatamente e la madre stava cercando di calmarla ma invano. Era la seconda volta quella settimana che piangeva a causa della maestra, o almeno cosi’ affermava lei. Xie aveva 6 anni, era bassa e magra anche se difficile da dire poiche’ indossava sempre dei vestiti troppo lunghi e pesanti. Aveva dei capelli lunghi e castani che alle estremita’ erano legati da elastici rossi. Suo fratello Ho invece aveva 12 anni ed era magro anche lui.

La famigia Lee si era trasferita in Inghilterra da poco. Per loro era normale trasferirsi perche’ i genitori lavoravano per Tesco a livello internazionale ed erano forzati a traslocare. Tutta la loro vita era stata un continuo trasloco. Quel pomeriggo Xie era triste perche’ l’insegnante, che le aveva assegnato il compito di disegnare la bandiera del suo paese di nascita, aveva criticato il suo disegno un po’ perplessa. Xie aveva disegnato una bandiera fatta da un sacchetto di Tesco! L’insegnante decise di dare un po’ di retta a Xie, le chiese di portarle una foto della bandiera di Tesco. Xie non sapendo come fabbricarla si era messa a piangere. Al fratello maggiore spicco’ in mente un’idea, prese per mano Xie, prese un sacchetto di Tesco tra i numerosi nello sgabuzzino e annuncio’ “Xie dai vieni con me, tieniti forte in bici che andiamo a fotografare la bandiera” . La sorellina era molto fiera di Ho e di andare in bici, si sentiva piu’ importante e grande, immaginava di essere la sua principessa preferita che veniva portata in giro in carrozza mentre il vento scompigliava i suoi capelli nascondendo un viso sorridente. Arrivarono in piazza e Ho scruto’ l’area intravedendo un palo non troppo alto dove mettere la bandiera e inizio’ ad arrampicarsi sopra. Subito catturo’ l’attenzione della piazza e il rumoroso trambustio delle persone intente a lavorare,chiaccherare o a giocare si abbasso’ finche’ non cesso’ del tutto. Erano tutti intenti a guardare e a cercare di capire cosa stesse facendo quel ragazzo sconosciuto. Arrivo’ in cima e lego’ saldamente il sacchetto che sventolo’ un po’ nel vento, poi compiaciuto scese, tiro’ fuori il suo “Tesco mobile” –click- scatto’ una foto e se ne ando’ con la sua sorella verso casa. La bandiera rimase alzata per anni ed ancora adesso esiste. Decisero che sarebbe stata la bandiera del quartiere e ogni mattina i ragazzi andavano a cantare il “jingle” commerciale di Tesco come se fosse stato un inno: every little helps.

L’indomani, dopo scuola, Xie torno’ eccitata e contenta “Mamma! Papa’! la maestra ha detto che sono stata bravissima a portarle quella foto!!” i genitori la lodarono e furono contenti specialmente con Ho; senza di lui non sarebbe mai riuscita a…

L’uomo cinese fu interrotto dal rumore fastidioso dell’altoparlante della metropolitana che annuncio’che erano giunti all’ultima fermata. “ e’ stato un piacere conoscerla” disse Bansky al signore seduto accanto a lui “ altrettanto, e’ stato un piacere finalmente raccontare questa storia a qualcuno senza che sbadigliasse” ribatte’ scherzando il signor Ho. In quel momento le porte si aprirono e la gente fu espulsa fuori come un fiume che straripa. Bansky appena uscito si accorse che gli era caduta la sua borsa di Tesco durante l’ondata di persone, la ritrovo’ e si avvio’ pronto per dipingere il prossimo graffiti.

Posted in Info | Leave a comment

Quel sottile ronzio morbido dei lampioni… che dire: brava Virginia!

L’urlo

Era una notte fredda e scura, c’erano poche nuvole in cielo e una mezza luna. Era appena passataThe scream mezzanotte e stavo camminando lungo un fiume. Non c’era nessuno in giro ed ero immerso in un silenzio assoluto eccetto che per il sottile ronzio morbido dei lampioni. Indossavo il mio hoodie nero; avevo il cappuccio tirato su per nascondermi il più possibile. Entrai in un bosco scuro ed inquietante. Mi guardai intorno, ero circondato da infiniti alberi alti e snelli. Sentivo solo il crepitio delle foglie sotto i miei piedi. Guardai il cielo, le nuvole erano sparite lasciandomi a guardare un abisso vuoto e nero. Improvvisamente sentii il bubolo di un gufo, mi girai e lo vidi.

Era sopra un ramo di uno degli alberi più piccoli e poi, come se sapesse che lo stavo guardando, si girò e mi fissò. Era un gufo grande, aveva le piume grigie scure e un paio di occhi enormi, luminosi ma che incutevano timore; erano del colore del sangue.

Li vedevo molto chiaramente, erano come due fari che creavano due strisce di luce attraverso il buio, concentrati solamente su di me, come se volessero penetrarmi. Lo guardai con interesse; mi stava fissando come se volesse dirmi qualcosa, come se volesse avvisarmi di qualcosa. Poi di scatto volò via. Ero da solo di nuovo. Ficcai le mani nelle tasche dei miei jeans e continuai a camminare. Stavo guardando a terra e notai le ombre deformate degli alberi. M’inseguivano dappertutto; assomigliavano a fantasmi neri, come quelli che si sognano in un incubo. Iniziai a camminare più velocemente, continuando a guardarmi intorno.

Quelle ombre mi stavano ancora inseguendo. Mi sentivo soffocare sotto i loro sguardi, il mio cuore batteva veloce. Avevo paura. Cominciai ad andare in panico. Iniziai a correre, però la terra era fangosa, scivolai e caddi a terra. Un dolore improvviso s’irradiò dal centro del mio ginocchio, ma mi alzai e continuai a correre, però questa volta zoppicando un po’. Corsi e corsi cercando un posto dove nascondermi. Dopo circa dieci minuti vidi una piccola grotta e vi entrai. Mi lasciai cadere a terra e mi raggomitolai. Faceva male stare in quella posizione, ansimavo fortemente e cercai di regolare il mio respiro. Dopo che mi fui calmato, raddrizzai la gamba ferita e la ispezionai; faceva male e stava sanguinando ma ero più preoccupato del buco nei miei jeans: mia mamma mi avrebbe ucciso! Però non ebbi tempo di preoccuparmi del buco a lungo perché sentii una presenza… adesso ero seriamente preoccupato. Ascoltai attentamente e sentii dei passi che si avvicinavano sempre più. Erano così vicini ora; ancora un passo e la presenza ed io saremmo stati faccia a faccia. Trattenni il respiro e dopo un attimo apparve …

un cervo.

Era un cervo corto pero`, aveva un paio di corna piccole, era evidente che non era un adulto ancora. Sembrava innocente, soffice e aveva un paio di begli occhi marroni. Aveva uno spesso strato di pelo rossastro che mi faceva venire la voglia di passarci le mani. Si avvicinò, sempre in quel suo modo leggero come non toccasse terra, chinò la testa e mi guardò attraverso le sue lunghe ciglia. Mi rialzai e il cervo si giro` e andò via lasciandomi estremamente confuso ma francamente un po’ incuriosito su dove stesse andando. Lo seguii fuori dalla grotta e lo vidi: era in piedi vicino a un sentiero. Mi avvicinai di nuovo e lui annuì molto lentamente verso il sentiero con la testa. Capii che il cervo voleva che io uscissi dal bosco. Improvvisamente mi ricordai di qualcosa che mi disse mio papà una volta: gli animali sanno sempre quando qualcosa di male sta per accadere. Mi girai a guardare il cervo per l’ultima volta però non c’era più. Mi voltai di nuovo e cominciai a camminare lungo il sentiero, ma giusto in quel momento vidi con la coda dell’occhio qualcosa di rosso. Lentamente girai la testa e vidi mille fiamme rossastre divorare il bosco dietro di me. Iniziai a correre più veloce che potevo. Preso dal panico e dal terrore assoluto mi spinsi a correre ancora più veloce, finalmente vidi l’uscita del bosco e un ponte. Quando arrivai al ponte mi voltai e guardai l’orribile scena davanti a me. Vidi onde e turbinii di arancione e rosso dipingere il cielo oscuro. Mi sentivo morto, come se qualcuno mi avesse appena sparato dritto al cuore. Le lacrime mi scorrevano sul viso, non solo perché il fumo mi pungeva gli occhi, ma anche al pensiero di quei poveri animali bruciati vivi da un mostro rosso.

Sentivo tutte queste emozioni che si accumulavano dentro di me e non ce la feci più: Urlai!

Urlai perché quel bosco moriva senza ragione. Urlai perché non potevo fare nulla per salvarli. Urlai perché volevo essere la loro voce.

Posted in Info | Leave a comment

Dibattito su : “Il Progresso”

Il progresso   (scritto da MARTINO ALLEGRI  s4)Ford

Invenzione utili e invenzioni nefaste. Siete ottimisti o pessimisti sull’ idea che il progresso risolvera` tutti i nostri problemi? Partite dall’ analisi di importanti passi avanti della scienza per esporre la vostra motivata opinione sulla bonta` (o meno) del progresso.

 

Il progresso viene definito come lo sviluppo delle strutture economiche e sociali basato sull’avanzamento delle scienze applicate alla tecnica.

 

Nel corso della vita umana, vengono e verranno rammentate invenzioni e scoperte che contribuiscono in modo sia positivo che negativo allo sviluppo dell’umanità. L’abilità di controllare il fuoco fu la prima svolta nell’evoluzione umana. Questa pietra miliare fece mutare gli uomini delle caverne in creature più abili e civili poiché agevolò lo sviluppo di utensili, rese possibile la cottura del cibo e l’assunzione di carboidrati e proteine come prima mai visto. Contribuì pure ad incutere paura nei predatori, a restare caldi durante le stagioni dominate dal freddo e ad avere visibilità durante la notte. Come succede spesso, oltre agli aspetti positivi il fuoco fu portatore di fatti orribili in quanto fu, ed è usato tutt’ora come arma di distruzione.

 

Ci furono molte altre scoperte nello svolgimento della storia ma secondo me le più importanti, in ordine cronologico, sono:

 

  • La stampa

Nel 1500 la stampa rivoluzionò la diffusione dei documenti prima scritti a mano. Questo permise in particolare agli scienziati di diffondere le loro scoperte velocemente. Tutto il mondo poteva sapere di attualità o di scoperte grazie a questo sistema. Un aspetto negativo è quello della propaganda di informazioni false.

 

  • Il microscopio

Il microscopio permise agli scienziati di approfondire gli studi delle cose invisibili all’occhio nudo. Rese più facile lo studio delle malattie e infatti grazie a questa invenzione, la scoperta di tante altre medicine per curarle più efficacemente. D’altro canto il progresso derivato dal microscopio ha portato alle minacce di possibili guerre batteriologiche.

 

  • Il motore e i mezzi di trasporto.

Queste invenzioni ci permettono di attraversare lunghe distanze in un corto periodo di tempo, mentre nel passato non si poteva che camminare o andare a cavallo. A partire dalla ruota, alla prima macchina ad adesso le auto sono cambiate in vari modi, migliorandole e attenuando gli effetti negativi che hanno sull’ambiente.

 

  • La comunicazione ad onde elettromagnetiche

La comunicazione senza fili fu un grande miglioramento nella diffusione delle notizie in tutto il mondo: informazioni scientifiche, di cronaca, di guerra o di intrattenimento potevano essere diffuse in tempo reale. Nei viaggi gli esploratori potevano riferire le loro scoperte o le loro richieste di aiuto in una maniera più velocizzata senza dovere aspettare che i piccioni viaggiatori arrivassero a destinazione. Da li in poi l’invenzione fu migliorata fino alla televisione e infine il telefonino.

 

  • La plastica

La plastica oggi giorno compare nella maggior parte degli oggetti, tv, computer, stampanti, mobili, giocattoli, macchine, auto e altri utensili. Viene usata perché è meno costosa e meno rara delle sue alternative ed ha permesso a tutti di avere oggetti a costi inferiori. Il problema è però nel riciclo in quanto è molto difficile riciclare la plastica ed è molto tossica quando bruciata.

 

  • La fissione nucleare

Ricavare l’energia dall’atomo fu una scoperta diversa dalle altre, era un enorme passo avanti nell’ambito delle scienze ma fu anche un passo indietro moralmente quando varie bombe atomiche furono lanciate sul Giappone creando una devastazione enorme, uccidendo milioni di persone e la radiazione è ancora presente. Fortunatamente dopo resosi conto del suo potere distruttivo non sono piu state usate, anche se oggigiorno continuano a costruirle e a potenziarle.

 

Il progresso non consiste solo di una invenzione ma dell’insieme di tutte le varie scoperte. Infine un altro fattore che condiziona il progresso è il genere umano stesso.

 

  • Gli esseri umani

Gli esseri umani sono progrediti più di tutto nella storia, siamo diventati più alti, più sani, più belli, più intelligenti, più civili. Tutto questo grazie alla tecnica applicata alla scienza. Noi inventammo I microscopi, le macchine, la stampa, e noi stessi continueremo a inventare cose sempre più importanti.

 

È importate rimanere al passo con il progresso poiché noi siamo i fattori “x e y” per lo sviluppo del nostro mondo. Il progresso, dipendendo dall’epoca storica è stato visto in tanti modi diversi: negli anni ‘70 si pensava che le macchine nel 2000 avrebbero volato, si pensava che il mondo sarebbe stato governato dai robot, ma invece no perché il progresso è come una curva su delle assi e i punti sono le invenzione nel tempo, non possono essere più veloci altrimenti la curva diventerebbe una linea.

Posted in Info | Leave a comment