“Il giornalino piccolino” creato dai bambini del ciclo primario- Bellissimo!

Il Giornalino Piccolino 2014

I nostri giovani giornalisti, sapientemente guidati da Emanuela Bonardi e Solidea Guerra, vi offrono articoli, interviste e disegni: tecnologia, natura, sport, Harry Potter, divertimento e cucina: ce n’e’ per tutti i gusti! Buona lettura!

Posted in Art | Leave a comment

ANNOUNCEMENT

Sunday 6 April 2014

at 3:00 hrs

SCHUMANN HALL

     

CIAO (Cultural Italian Association in Oxfordshire) presents

 

AN AFTERNOON OF THEATRE AND REFRESHMENTS

 

 

PROGRAMME:

 

3.00 – Welcome and presentation of next term courses

 

3.15 – Primary School Performance: “L’amore delle tre melarance”, an adaptation of the play by Carlo Gozzi

 

4..15 – Refreshments (please bring something to share if you can)

 

 ENTRANCE TICKETS: £2 adult, £1 child

The money collected will be devolved to the maintenance of the CIAO website

 

Posted in Info | Leave a comment

Un altro efferato delitto in Paradiso. Chi sara’ il colpevole?

Il Gioco della Chiave                       di Virginia Shorrock

“Dottor Rengoni! Dottor Rengoni!! La chiave della Sala Parlante è stata rubata!”, chiave di cristallo        disse con una fretta nervosa la suora mentre entrava correndo nell’ufficio del dottore.

“E’ stata rubata!!!”

“Calmati Sorella Maria, dimmi pian piano cos’è successo.”, disse il dottore con calma.

“Stavo andando nella chiesa principale per pulire un po’ quando ho notato che qualcosa era diverso, così mi sono girata e sono tornata indietro. Ho guardato dentro la teca di vetro nel corridoio e la chiave di cristallo era sparita!”, disse tutta di fretta la suora, “Così sono corsa alla Sala Parlante e ho provato ad aprire la porta. Il problema è che la porta è stata chiusa a chiave così il Papa ora non può entrarci per parlare con Dio!!”

L’ispettore del Vaticano sembra confuso.

“Sorella Maria, ma di che cosa stai parlando?”

“Sto parlando della chiave di cristallo per la Sala Parlante! Sai, la stanza dove solo il Papa può entrare per parlare con Dio”, disse Suor Maria come se l’esistenza della Sala Parlante fosse la cosa più nota di Roma.

“Potresti investigare, per favore?”

“Ma sì, certo.”

      Lista dei sospetti:

  • Markus, il custode (pulisce sempre quando non c’è più nessuno e potrebbe aver rubato la chiave per entrare nella Sala Parlante per parlare con Dio)
  • Signor Blondeau, presidente della Banca Vaticana ( lui e il Papa sono sempre in disaccordo su come usare i soldi)
  • Sorella Clemente, una suora molto introversa e misteriosa (non le piace pregare con gli altri e potrebbe aver rubato la chiave per entrare a pregare da sola nella Sala Parlante)

       Oggetti trovati durante le indagini

  • Anello di oro bianco (a chi potrebbe appartenere??)

“Dottor Rengoni! Aiuto!”, urlò Sorella Maria nel telefono, “Vieni alla Sala Parlante subito!”

“Sono qui! Cosa c’è?”, disse il dottore.

“Guarda dentro il buco della serratura…”, implorò la suora.

“Ah… sembra che ci sia un uomo morto là dentro… Chi è?”

“E’ il Signor Blondeau, povero uomo… Ma… che cosa fai??”, disse Suor Maria, mentre il dottore tirava fuori dalla tasca un foglietto di carta e una penna.

“E’ la mia lista di sospetti, e ora posso togliere il signor Blondeau perché è lì, morto”, disse con un sorriso soddisfatto il dottor Rengoni, “Però adesso lascia fare a me, Sorella, io risolverò tutto.”

 

      Lista di sospetti aggiornata:

  • Markus.
  • Sorella Clemente.

       Oggetti trovati durante le indagini:

  • Anello di oro bianco
  • Una scheggia di cristallo trovata sotto la porta della Sala Parlante.

 

 Tre giorni dopo

 

“Sembra che ci sia stata un’altra morte… ”, disse il dottore a Suor Maria, “Chi è questa volta?”

“Suor Clemente.”

 

       Lista di sospetti re-aggiornata:

  • Markus.

       Oggetti trovati durante le indagini

  • Anello di oro bianco
  • Una scheggia di cristallo.
  • La chiave trovata sotto la teca per terra

——

“Markus, potresti venire nel mio ufficio oggi, per favore?”

“Ok.”

“Grazie.”

“Buongiorno dottore; Sorella Maria…” Disse Markus entrando nell’ufficio.

“Buongiorno”, disse il dottore, “Senti, Markus, mi potresti raccontare perché’ hai ucciso il signor Blondeau e sua moglie Suor Clemente?”

“Scusa??”

“Beh io pensavo che ormai avresti potuto confessare, ma siccome fai finta di non capire, te lo dico io perché: un mese fa tu hai avuto una discussione con il signor Blondeau sul tuo aumento di stipendio; lui ha detto di no e tu ti sei arrabbiato. Siccome avevi sentito che Blondeau e Suor Clemente volevano entrare nella Sala Parlante per chiedere scusa a Dio di essersi sposati in segreto, tu hai elaborato un piano per ucciderlo li’. Quando Blondeau arrivo’, rubo’ la chiave ed entro’ nella Sala Parlante ad aspettare Suor Clemente, tu entrasti di sorpresa e lo uccidesti. Poi chiudesti la porta e te ne andasti. ”

Markus lo interruppe: “Non hai nessuna prova.”

“Ah no? Allora vuoi dire che l’anello di oro bianco trovato vicino alla porta della Sala Parlante e che corrisponde con l’alone sul tuo dito non è tuo?”accoltellato

Markus si zittì e l’ispettore continuò: “Tre giorni dopo Suor Clementa capì tutto quello che avevi fatto e minacciò di denunciarti. Ma non fece in tempo perché tu la uccidesti. Poi gettasti la chiave della Sala Parlante sotto la teca per confondermi… ma il tuo giochetto non ha funzionato!”

Posted in Info | Leave a comment

UN TRAGICO DELITTO (ma un potenziale successo editoriale)

butterfly-bliss-blue-pretty

Due farfalle di velluto viola                       di Tessa Hall

10 Gennaio
Caro diario, oggi a scuola e` arrivata una nuova ragazza di nome Viola. Dicono tutti che ci assomigliamo moltissimo. Ma sebutterliescondo me lei e` piu bella.

24 Gennaio
Caro diario, sono eccitatissima per il compleanno dello zio, sara una grande festa, 200 invitati! Ho invitato Viola, anche se e` la nuova arrivata e la conosco da solo due settimane. Io e Viola ci siamo comprate due vestiti identici … di velluto viola.
27 Gennaio
Oggi è arrivato lo zio dall’America con quella strega di sua moglie.
30 Gennaio
Dobbiamo investigare sull’accaduto prima che lo scoprano gli altri. Questa idea e stata di Viola, lei e` molto piu sveglia di me.
p.s. io quando ho visto lo zio morto sono quasi svenuta….
31 Gennaio
Oggi io e Viola abbiamo comminciato le indagini. Non posso capire perche` qualcuno ha voluto ammazzare lo zio, con me e` sempre stato molto gentile. Abbiamo intervistato molti degli invitati e nelle tasche dello zio, Viola ha trovato questo :

 

Testamento di Roberto Luigi Monti:
Quando io saro` morto lascero` tutti i miei soldi e i miei possedimenti alla mia amata…

 

1 Febbraio
Caro diario, secondo me e Viola sono due i sospetti: o la zia Sara per i soldi o magari Giovanna perche era stata tradita. Io non so chi e` stato della due, ma Viola insiste che e` stata Sara. Io le credo perche lei e` molto piu` intelligente di me, tanto e` che e` stata lei a trovare i documenti.
2 Febbraio
Caro diario, abbiamo interrogato Sara, e` sicuramente lei; mi sembra così ossessionata dal denaro che farebbe di tutto… e lo zio era molto, molto ricco. Io sarei pronta a raccontare tutto alla polizia, ma Viola dice di aspettare che deve fare ancora un paio di indagini.
3 Febbraio
Caro diario la gente comincia a notare che manca lo zio. Lo stanno cercando, abbiamo poco tempo.
10 Febbraio
Ho sentito una conversazione. Non mi posso piu fidare. Non ho tempo di spiegare devo parlare con la polizia…

 

Corriere della Sera    11 febraio
Trovati morti, Roberto Luigi Monti e la sua nipotina Rebecca Caterina Monti
L’ Ispettore Silvio Vaglini sta investigando chi e` stato il colpevole di questo omicidio fra una delle famiglie piu` ricche e importanti di Brescia. Roberto aveva 40 anni e Rebecca solo 13.

 

MESI DOPO:

 Corriere della Sera    11 Maggio

Killer solo a 13 anni. Trovati i colpevoli dell omicidio Monti! Lucia Garribbo(40) e Viola Garibbo Monti(13) sono state arrestate per aver uciso Rebecca e Roberto Monti. Il movente: Viola Garribbo era la sorella gemella di Rebecca Monti e la figlia rifiutata di Roberto Monti, lasciata  dalla nascita con sua mamma Lucia Garibbo. 13 Anni dopo si e` vendicata e ha uciso Roberto con l’aiuto di sua madre.Quando Rebecca (figlia di Roberto ma affidata dalla nascita a Camilla, sorella di Roberto) scopri che Viola aveva ucciso suo zio/padre venne subito uccisa da Lucia e Viola.La famiglia e` in stato schock e non ha voluto rilasciare  dichiarazioni.

butterlies

Posted in Info | Leave a comment

Beppe Severgnini a Oxford

Italian Studies at Oxford, in collaboration with the Trustees of the Isaiah Berlin Fund is pleased to announce that renowned journalist and author Beppe Severgnini will be visiting Oxford as Isaiah Berlin Scholar.He will be at the centre of two events:  Monday 21 October, 8pm”Italy Between a Shameless Right and a Hopeless Left – Here We Go Again?”chair: David Hine (Politics, Oxford), Discussant: Ferdinando Giugliano (Financial Times)Pichette Auditorium, Pembroke College    Tuesday 29 October, 5pm”Parolacce, paroline e parolone: l’italiano tra reticenza e sproloquio”chair: Guido Bonsaver (ISO), Discussant: Vilma De Gasperin (Mod.Languages, Oxford)Taylor Institution, St Giles, Main Hall   *ALL WELCOME* Kind regards. 

Italian Studies at Oxford
An interdisciplinary network for the study of Italy at the University of Oxford
 
European Humanities Research Centre
47 Wellington Square, OX1 2JD
Tel: +44 (0) 1865 276456
Email: Italianstudies@area.ox.ac.uk
Website: www.italianstudies.ox.ac.uk Kind regards, General Office41 Wellington SquareOxford OX1 2JFTel. (0)1865 – (2)70750 www.mod-langs.ox.ac.uk

Posted in Info | Leave a comment

Italian writer Caterina Füredy at London Book Fair

Caterina Füredy e’ una scrittrice Italiana di origine Ungherese e il suo primo libro Edesapam (Mio Padre) e’ stato finalmente tradotto in Inglese Edesapam (My Father) da Interlinguae. Il libro e’ un prezioso documento storico che riesce a coniugare la fluidità narrativa di un romanzo con l’accuratezza degli eventi storici che l’autrice stessa ha raccolto dopo un meticoloso lavoro di indagine. Libero dalle impostazioni didattiche e retoriche che spesso contraddistinguono i testi storici, il libro narra la vera storia del padre dell’autrice, imprigionato solo per i suoi ideali di libertà.

L’autrice sara’ presente Martedì 16 Aprile a Londra per il London Book Fair (dal 15 al 17 Aprile) allo stand N540 di Interlinguae per presentare l’edizione Inglese. Un occasione per conoscere una scrittrice Italiana e un libro di testimonianza storica: l’incontro con l’autrice e’ previsto per le 11:30am e uno alle 16:00.

Screen Shot 2013-04-09 at 08.27.42

Caterina Füredy is an Italian writer of Hungarian origin. Her first book Edesapam (Mio Padre) has been now translated in English Edesapam (My Father) by Interlinguae. The book is a precious historical document able to blend the narrative fluidity of a novel and the accuracy of historical events the author herself has collected after a meticulous work of investigation. This rhetoric free book is about the true story of author’s father, jailed only for his ideal of freedom.

The author will be present on 16th April at London Book Fair (15 – 17 April), Interlinguae stand N540, to present the English edition of the book. A chance to meet an Italian writer and her book: the meeting with the author is scheduled for 11:30am and the other for 16:00.

Posted in Books, Info | Leave a comment

15 MARCH- A CIAO EVENING OF THEATRE, SONGS AND REFRESHMENTS

15 March 2013

at 18:30 hrs

SCHUMAN HALL

    

CIAO (Cultural Italian Association in Oxfordshire) presents

 

AN EVENING OF THEATRE, SONGS AND REFRESHMENTS

 

 

PROGRAMME:

 

18.30 – Introduction to the evening

 

18.45 – Primary School Performance: “Il miracolo di Gesù bambino” inspired by the homonymous monologue by Dario Fo

 

19.30 – Primary School Children Songs

 

19.45 – Secondary School Performance: “Il contratto” inspired by the homonymous play by Eduardo de Filippo

 

20.30 – Refreshments

 

 

ENTRANCE TICKETS: £1 per person

The money collected will be devolved to the maintenance of the CIAO website

 

Posted in Info | Leave a comment

“Le scriroccate” cortometraggio s2

ITALIAN L1  SHORT FILM    Le Sciroccate PIC

“Le sciroccate” (gone bananas)

A passionate journey from the students’ film script to the short movie; here’s an epic adventure of 3 girls trapped …and lost in an empty school. They will survive a lethal threat , but not the inevitable humorous consequences.

Link to the trailer:

You find it in the “Italian” folder on the left panel, by pressing the link below:

http://www.esculham.eu/DocumentLibrary/tabid/206/language/en-GB/Default.aspx

Posted in Info | Leave a comment

Testo vincitore “Concorso letterario europeo” – F. McClimont

Acqua Londra“Forza, George, voglio andare a fare questa nuotata!” Urlò Anna verso la spiaggia.  Lei era già nell’acqua piuttosto alta.  “Arrivo!” Le rispose George, che si stava ancora mettendo le pinne.  Anna e George erano stati buoni amici da tanti anni, e, come passatempo andavano a nuotare insieme.  Erano subacquei:  avevano le pinne, le tute, le bottiglie d’ossigeno, tutto quello che serviva per restare sott’acqua per ore.

 

Quando George raggiunse Anna, i due sub si immersero.  Dopo circa 20 minuti, i due amici a duecento metri sotto la superficie del mare, videro una sirena a non più di trenta metri di distanza da dov’erano.  Era bellissima, con i capelli biondi lunghissimi. Né George né Anna avevano mai visto capelli così lunghi, ed una coda di pesce color blu, che luccicava dei bagliori dell’acqua.  La sirena fece un gesto come per dire di avvicinarsi, e per un secondo George pensò che stesse sognando e che stava diventando pazzo, ma non gl’importava.  Voleva solo avvicinarsi alla sirena, che sembrava una dea dell’Olimpo.  Anna seguì George, per tenerlo d’occhio in caso che facesse qualcosa di stupido.  Neanche Anna non poteva credere ai suoi occhi.  Quando George ed Anna raggiunsero la sirena, si sentirono l’acqua intorno a loro turbinare come in cerchi.  L’acqua cominciò ad andare sempre più veloce, finché fu così veloce che i due sub persero i sensi.

 

Si risvegliarono in una stanza molto bella, decorata elegantemente con dipinti di vecchi re e regine su ogni parete.  Era evidente che chi abitava quel luogo fosse molto ricco.  Anna notò che George era seduto sul letto accanto a lei e si guardava intorno sbalordito, tanto quanto lo era lei.

“Dove siamo?”  Anna gli chiese.  “Non ho proprio idea.”  Le rispose George molto confuso.  In quel momento arrivò un uomo, probabilmente un servo, vestito in bianco e nero.

“Ah!” Esclamò questi “Siete svegli!”

“Dove siamo?!” Chiesero Anna e George in coro.

“Siete nel palazzo di Buckingham, della Regina Vittoria.”  Rispose il servo placidamente.

“Cosa?!  In che anno siamo??” domandò quasi strillando, Anna.

“Come in che anno siamo?  Siamo nel 1875, ovviamente!”  rispose il servo, perplesso.

“Oh mio Dio…” dissero sottovoce i due sub.  Cos’era successo?  Anna e George vivevano a Londra nel 2012!!!

“Come ci troviamo qui?”  Chiese George, che si era ripreso prima di Anna dallo shock.

“Della gente vi ha trovato vicino al fiume Tamigi nel centro di Londra, incoscienti, ieri pomeriggio.

I  dottori hanno detto che stavate bene e che non eravate feriti.  La Regina ha sentito cosa è accaduto e si è incuriosita, soprattutto per la foggia dei vostri vestiti.  Per questo vuole incontrarvi, così ha ordinato che voi foste portati qui immediatamente.  Tutti i vostri vestiti e quello che avevate con voi è stato messo su quella sedia lì.”  Puntò ad un angolo della stanza dove si trovava una sedia con tutte le cose dei due sub sopra. 

“Quando possiamo incontrare la Regina?”  Chiese Anna.

“Appena vi sentite in grado di alzarvi e camminare, vi porto da lei.”  Disse loro il servo.

“Andiamo?”  Anna chiese a George, guardandolo.

“Sì andiamo!”  Rispose George tutto contento.

Un quarto d’ora dopo i due erano pronti ad incontrare la Regina.  Vennero condotti in una sala gigantesca, ornata ed ampia, con grandi finestre che lasciavano passare la luce soffusa del pomeriggio. Era veramente bello.  La Regina Vittoria si trovava in fondo seduta sul suo trono.  Dopo che il servo introdusse Anna e George alla Regina, i tre parlarono per molto tempo.

“Vedete, Anna e George, mio marito Alberto sta molto male, e temo che non vivrà per molto tempo.  Non so cosa fare, non c’è niente che io possa fare!”  Disse disperatamente la Regina.

“Forse io posso fare qualcosa…”  Cominciò a dire George.

“Non essere sciocco, George…”  Lo interruppe la Regina.

“No, veramente, Sua Maestà!  Io sono un dottore, ma sono diverso dai vostri dottori.”  Disse George, si vedeva che aveva un’ idea e che non vedeva l’ora di metterla in pratica.

“Come vuole dire?”  Disse, stupita, la Regina.

“Ho medicine molto avanzate, e forse ho la cura giusta per guarire suo marito!”  Disse George.

“Che Dio vi benedica!”  Esclamò la Regina.  “Vi porto da lui subito!”

 

George aveva effettivamente la cura giust per il Principe Alberto, e gli salvò la vita. 

Anna, che invece di mestiere faceva l’insegnante, andò in giro per le più povere scuole di Londra, a parlare ed ad aiutare i bambini, che avevano vissuto delle vite molto povere e difficili. 

Anna e George ricevettero per questo una medaglia all’onore e il Titolo di ‘Sir’ per la loro bravura e la loro dedizione in aiuto di tutti.  La Regina e il Principe non potevano smettere di ringraziarli, e vollero persino che rimanessero lì al palazzo con loro.  Ma George ed Anna volevano tornare alla loro Londra del 2012, perchè lì era la loro vita, la loro famiglia…

 

Una settimana dopo il loro arrivo alla Londra del 1875, si rimisero le loro tute, le loro pinne e le bombole d’ossigeno, e si sommersero di nuovo nell’acqua del fiume Tamigi, esattamente dove erano arrivati.  Rividero la sirena e quella sera si risvegliarono dov’erano andati in vacanza insieme.

Mentre camminavano via dalla spiaggia, l’unica cosa a cui i due amici pensavano era… quello strano bagliore dell’ acqua.

                                     autrice:  Francesca McClimont

Posted in Info | Leave a comment

Italian Event in Oxford

Salve!

Rendo noto:

 Italian Studies at Oxford in collaboration with the Oxford University Italian Society is pleased to invite you to the screening of

Girlfriend in a Coma

the new documentary on Italy written by Bill Emmott  (former director of The Economist) and directed by Annalisa Piras

WEDNESDAY 16th JANUARY

 8.pm

Marie Ogilvie Lecture Theatre, St Anne’s College, Woodstock Road

A Q&A with author and director will follow the screening, chaired by Ferdinando Giugliano (Financial Times)

*ALL WELCOME*

http://girlfriendinacoma.eu/

 

Posted in Info | Leave a comment